Processo produttivo del carbone vegetale Bruciabene®

Secondo l’antica tradizione Argentina

La produzione del carbone vegetale avviene in Argentina, dove personale esperto sapientemente prepara la carbonaia dopo aver tagliato il legname nelle opportune dimensioni ed averlo lasciato ad asciugare su grandi cataste per renderlo idoneo al successivo processo di carbonizzazione.

La carbonaia viene realizzata, secondo l’antica tradizione argentina, inserendo tronchi di legname duro o semiduro, tra i quali il quebracho (Schinopsis balansae), di una determinata dimensione (circa 1 - 1.20m) all'interno di forni di mattoni a forma semicircolare. Ai piedi della carbonaia sono presenti dei piccoli fori per consentire la fuoriuscita del fumo e garantire una combustione lenta, senza fiamma evitando così che i tronchi brucino. La costruzione corretta della carbonaia è molto importante perché deve impedire che l’ossigeno entri a contatto col legname ed al tempo stesso venga favorita la fuoriuscita dei fumi.

La carbonizzazione è un processo di tipo termochimico che consente la trasformazione delle molecole strutturate dei prodotti legnosi e cellulosici in carbone ottenuta mediante l’eliminazione dell’acqua e delle sostanze volatili dalla materia vegetale per azione del calore.

Il processo di carbonizzazione può durare dai 3 ai 4 giorni, con una resa finale del 25%. Ovvero da 5Kg di legna si ottengono circa 1Kg di carbone vegetale.